Tubo-il museo in 4D

 

 

 

 

 

TUBO è il primo museo in 4d: un cilindro di maglia elastica su una struttura di anelli d’acciaio che trasforma una o più opere d’arte in una esperienza immersiva multicanale. 
Tubo è il primo museo scalabile, smontabile ed adattabile a qualsiasi spazio, luogo e dimensione e si ispira per geometria e materiali ad un’opera di design famosa in tutto il mondo: la lampada Falkland di Bruno Munari. 
La sua forma tubolare riduce all’essenziale l’esperienza museale: una promenade tra opere d’arte. 
L’idea nasce da un intervento nei Ted Talks della Prof. Dr. Sarah Kenderdine nel 2013 intitolato “How will museum of the future look?”
“La vera innovazione non è quella di preservare le nostre bellezze artistiche. Il vero passo avanti è quello di reinventare e reinterpretare le storie che questi “documenti del passato” ci raccontano.”Per questo motivo l’avanzamento tecnologico grazie ai proiettori interattivi, agli smartphone, alla realtà aumentata ha reso sempre più “playable” le opere d’arte ed i musei.
Tubo si basa proprio su tutto questo. Gli anelli d’acciaio, che compongono la struttura portante del museo, sostengono dei piccoli proiettori interattivi i quali riproducono sulla maglia elastica video, foto e testi che spiegano o rendono vive le opere d’arte. Tubo quindi può inglobare statue, quadri, o altre esposizioni, e muoversi come un serpente in spazi aperti o chiusi.
Lo spazio interattivo però può divenire esso stesso un’opera d’arte se messo a disposizione di artisti appartenenti a diverse discipline. Videomakers, architetti, 3D artists, animators e musicisti,sta a loro riempire di contenuti Tubo che diverrebbe un vero hub di produzione culturale e artistica.
Come in Harry Potter i quadri potrebbero parlare e rispondere alle nostre domande con l’ausilio degli smartphone, vero strumento di controllo dei visitatori.
Come nei famosi tubi di SuperMario il visitatore entrerebbe in una nuova dimensione per un’esperienza multisensoriale che andrebbe oltre la semplice visita al museo.

Danilo Varriale

Per maggiori informazioni: link