Music Museum

 

 

 

“Music makes the people come together” cantava Madonna qualche anno fa. Il progetto Music Museum nasce proprio da questo concetto: permettere a tutti indistintamente di vivere esperienze nuove, stare insieme, aggregarsi. Attraverso la musica ognuno di noi può liberarsi dai pregiudizi, dallo stress di ogni giorno, dalle infrastrutture create, permettendo a se stesso di tornare bambino, quando ogni piccola cosa significava scoperta e alimentava la curiosità. E quale spazio migliore di quello museale per godersi il piacere di una scoperta giocosa? Troppo spesso percepito come un contesto passivo, il museo ha la possibilità di trasformare lo spettatore in un partecipante attivo, capace di influenzare l’ambiente interagendo con la collezione e con gli altri visitatori. Music Museum apre le porte dei musei alla musica, seguendo un format unico, innovativo e divertente. Un exhibit che connette musica, collezione e pubblico, plasmando un percorso che attraverso l’interazione fra le opere e le persone con i loro stati d’animo, consente al visitatore di andare a modificare la linea melodica che lo accompagna. Realizzato con l’impiego di tecnologie innovative nel campo della musica, dell’elettronica e della programmazione, Music Museum crea e adatta la composizione, realizzata ad hoc, a un determinato ambito sociale. Attraverso schede elettroniche, sensori e telecamere, vengono composte righe di programmazione poi tradotte in melodia, timbri, ritmi e frequenze che ciascun visitatore modifica, componendo la colonna sonora della propria visita. Questa melodia collettiva è in tempo reale trasformata in una videoproiezione, visibile all’esterno del museo, che va a definirne il mood percepito.

Ed è questo a rendere Music Museum un’esperienza unica. Un’esperienza nella quale ogni contatto genera un risultato unico.

Music Museum – We are art

ColorMix