Museik

 

 

Museik

“Museik” si fonda sul concetto di “nuove narrazioni” con la consapevolezza che ogni opera presente in una collezione museale possieda svariati livelli di lettura.
Tale progetto ha il fine di contribuire alla valorizzazione del patrimonio museale non sostituendosi alla lettura tradizionale ma arricchendola con descrizioni diversificate.
É uno strumento innovativo dove nuovi narratori saranno chiamati all’interno del museo per raccontare le opere attraverso i propri ricordi, professionalità, conoscenze. I nuovi narratori, invitati dal museo, affiancheranno le guide ufficiali e racconteranno alcune opere all’interno del museo, delineando autonomi e liberi itinerari.
Chi saranno queste guide d’eccezione? Personalità con risonanza mediatica ma anche esponenti delle comunità locali, esperti artigiani ed artisti che si renderanno disponibili a delineare il loro percorso preferito arricchendo la descrizione dell’opera con una nuova interpretazione: chi meglio dello stilista potrà raccontare il taglio degli abiti nella galleria dei ritratti lasciandosi ispirare dai tessuti effigiati? Un regista potrà illustrare quali opere in quel particolare museo d’arte contemporanea lo hanno ispirato nel corso della sua carriera. Un pescatore potrà spiegare che tipo di vento fa infuriare il mare in quella marina seicentesca. 
Le diverse narrazioni verranno documentate lasciandone traccia attraverso video e scritti che formeranno delle mappe multimediali delineanti veri e propri itinerari, accessibili dal visitatore attraverso l’App “Museik”.
L’ App permetterà al visitatore, per ogni museo, la selezione di itinerari approntati dai nuovi narratori e la possibilità di modularli, comporli a piacimento attraverso un sistema basato anche sul tag. Si potrà seguire un percorso completamente personalizzato, selezionando le diverse narrazioni proposte e mescolandole, come in un puzzle (da qui la scelta del logo). Questi itinerari potranno essere condivisi e attraverso il sistema dei feedback e delle visualizzazioni potranno essere consigliati o criticati.
L’ App, supportata da una forte “media and web strategy”, avvicinerebbe nuovi pubblici attratti da un diverso modo di vivere il museo e consentirebbe ai musei stessi di costruirsi o rafforzare la propria identità digitale entrando a far parte di una rete museale a livello nazionale.

Giovani Amici dei Musei d’Italia

Video: download