Moving Art

 

 

 

Moving Art

Il progetto prevede una moltiplicazione sensoriale dell’esperienza museale tramite la commistione di forme artistiche. Si propongono 2-3 spettacoli-evento, videoripresi e ri-proiettati nella stessa sede museale per rendere continuo il loro scopo di dialogo emozionale tra opere e spettatore. Sottolineate da fasci di luce e suoni multidirezionali che colpiscano e guidino il visitatore, si propongono una performance di danza aerea acrobatica tessuto (v. all.) che coinvolga emotivamente il pubblico nel suo dialogo spaziale con le opere di MM; e una performance-laboratorio itinerante (compagnia CO.R.P.I, v. all.) culminante in quadri-di-scena in diverse aree del museo: corpi plasmabili come la materia scultorea. Queste espressioni del teatro contemporaneo hanno lo scopo di una fruizione emozionale del museo tramite il coinvolgemento multisensoriale, un viaggio attraverso gli spazi museali che offra un dialogo intenso tra le opere esposte e le infinite possibilità dell’espressività fisica ed emotiva umana. Gli spettacoli-evento saranno l’occasione per effettuare riprese professionali delle performance nel contesto stesso del museo: lo scopo finale è infatti di riprodurre tra le opere, tramite schermi a circuito continuo e videoproiezioni, i movimenti e quadri-di-scena più significativi, per suscitare nel visitatore suggestioni e riflessioni. In base alle eventuali direttive museali, visto il carattere particolare della compagnia CO.R.P.I, si potrebbe sfruttare il progetto anche per affrontare tematiche di attualità, per rendere ancora più vive e significative le opere esposte: l’”essere etrusco” di MM è ora apprezzato da turisti di ogni parte del mondo e di ogni estrazione sociale, e dobbiamo quindi pensare a una fruizione internazionale della sua arte, con particolare sensibilità ai nuovi flussi turistici.
Il presente progetto è riadattabile a qualsiasi museo, modificandone le performance in base alle esigenze spaziali e alla tipologia e tematica delle opere esposte.

Silvia Privitera e Daniela Colombo

Per maggiori informazioni: link