Mind&Play

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel progetto Mind&Play intendiamo trasformare il museo in un luogo che superi la conservazione, fino a diventare un hub di produzione culturale ed artistica. A tal scopo proponiamo la realizzazione di una app per dispositivi mobili, eventualmente integrata con visori per la realtà virtuale, che consenta al visitatore di sperimentare un percorso di potenziamento delle proprie capacità di problem solving. Il percorso si basa su un modello della mente, noto come Modello Pragmatico Elementare (MPE), inizialmente applicato nella psicoterapia relazionale e poi successivamente proposto come strumento di stimolazione della creatività in diversi ambiti, non necessariamente artistici. Il percorso prevede che il visitatore si concentri su un problema (di qualsiasi natura, anche relativo quindi alla produzione culturale ed artistica) e assuma diverse posizioni nei confronti del problema stesso, per analizzarlo più a fondo. Attraversando questi stati mentali, con la guida della app Mind&Play, il visitatore è stimolato ad intraprendere strade non ancora battute che potrebbero portarlo alla soluzione del problema, o ad una maggiore consapevolezza e/o comprensione di esso. Riteniamo che la fruizione di MPE tramite Mind&Play in un contesto museale, combinando tecnologia e creatività, sarebbe un elemento sorprendente per il visitatore. Inoltre, l’uso di una app consentirebbe un maggiore coinvolgimento delle nuove generazioni. Infine, e non da ultimo, tale app crea nuove modalità di connessione tra i visitatori ed il museo, con particolare riguardo alla fase successiva alla visita, contribuendo a rafforzare nel visitatore l’idea che il museo sia un luogo portatore di felicità in quanto facilitatore di processi mentali creativi.

Mind&Play

Per maggiori informazioni: link