Gadgety Sound System

 

 

 

Gadgety Sound System

 

Gadgety Sound System nasce dall’idea di sviluppare tecnologie musicali con cui sperimentare nuove forme di relazione e comunicazione. Il sistema si compone di moduli distribuiti, interconnessi e auto-alimentati, capaci di creare un ambiente sonoro attraverso un altoparlante e un generatore di suoni analogici o digitali.  La proposta è concepita come format e prende nome dal fatto che nel mondo del software un gadget è servizio che non necessita di un applicativo proprio per essere lanciato. L’installazione è infatti adattabile alle specificità dello spazio in cui si interviene – in particolare si guarda alla sua applicazione in contesti espositivi – e configurabile sulla base di un progetto curatoriale tanto nel posizionamento dei moduli quanto nella qualità dei contenuti sonori.  Un microcontrollore Wi-Fi interno ad ogni modulo mantiene sincronizzata la piattaforma e permette di rinviare qualunque dispositivo vi si connetta ad una pagina web dove, attraverso interfacce mutuate dalla musica elettronica, tradizionale o sperimentale, i visitatori possono perturbare il comportamento del sistema componendo progressioni musicali.  Le specifiche di hardware e software sono libere: chiunque può studiarle, modificarle e redistribuirle. Una programmazione collaterale dedicata che disseminasse conoscenze legate alla musica, all’informatica e al design permetterebbe così di creare o estendere la rete, potenzialmente fuori dal museo.  In maniera leggera ed ironica GSS riflette sul rapporto tra arti, tecnologia e spazio pubblico nell’era contemporanea, immaginando una discoteca senza pareti per i nativi di un millennio in cui le giungle sono digitali. Decideranno questi di girare come criceti su uno scroll infinito o di espandere un network di palafitte ad ultrasuoni per micro-prossimità?

Team Gadget