This article is also available in: enEnglish

25 OTTOBRE
ORE 18:30

La danza delle forme: Marino Marini incontra Igor Stravinskij
Un racconto di Luca Scarlini

Pianista: Antonio Artese
Musiche di Igor Stravinskij

Marino Marini incontra nel 1951 Igor Stravinskij a New York, al momento della mostra presso la prestigiosa galleria Curt Valentin. Nasce una amicizia destinata a durare una vita, segnata da un ritratto del compositore russo, che suscita il suo entusiasmo. Il legame con il teatro, da cui l’artista di Pistoia, trae il suo vasto repertorio di clown e saltimbanchi, immagini della esistenza, si incontra poi una sola volta con il palcoscenico, nel 1972 alla Scala, a un anno dalla morte del compositore, con una inventiva edizione de La sagra della primavera, unica proposta accettata da Marini di una collaborazione con il palcoscenico, dopo aver rifiutato di firmare progetto con amici e estimatori, come Mauro Bolognini e Aurel M. Milloss. Nel segno di Stravinskij, e delle sue musiche per pianoforte, è quindi questo racconto, che narra anche degli incontri con Samuel Barber, altrettanto dedicatario di un ritratto di Marini.

Il racconto sarà tradotto in LIS per il pubblico dei non udenti.

Fino ad esaurimento posti.
Ingresso gratuito.

Antonio Artese, foto credit: Giacomo Checcucci